Blog foto: grammofono1701

8. REPENT WALPURGIS-FORTUNA

Le mie mani scivolando sul cotone felpato accarezzavano i suoi lombi carnosi, i nostri corpi combaciavano come due tessere di puzzle; alla fine del tempo della canzone mi sentivo una bisettrice scagliata come una freccia nell’angolo profondo del suo basso ventre.                          

– Ma che ballo è questo, non ci  siamo spostati nemmeno di un metro? -. 

– È un lento Marietta, lo chiamano anche ballo del mattone. Certo è molto diverso dai vostri valzer. Ti piaceva ballare?-.

– Per la verità ho ballato pochissimo ma mai nessuno mi ha tenuta stretta così-.

– Ma come? e tutti gli uomini che ti hanno avuto tra le braccia ?-.

 Con una leggera spinta di  entrambe le mani sul mio petto si liberò dalla mia presa:

– Quali uomini,mi hai preso per una puttana?-.

– Scusa Marietta ma ero presente quella volta che la Luigia ti ha proprio chiamata così?-.

– Ho avuto solo un uomo in tutta la vita, non sono stata di nessun altro, mia figlia ha continuato per anni ad  insultarmi con quella parola  perchè non le ho mai rivelato il nome dell’uomo che avrebbe dovuto essere suo padre. Non l’ho fatto perchè conoscendo il carattere di quella matta sapevo che avrebbe combinato qualche guaio. È andata come è andata, eravamo giovani non sapevamo quello che stavamo facendo, quando mi sono resa conto di essere incinta ho deciso non dirgli niente.
Lui era di famiglia nobile, viveva  in città; compagno di studi del figlio del Conte della frazione vicina era venuto al paese per cacciare le volpi che in quel periodo avevano fatto stragi nei pollai della zona. Ci siamo incontrati per caso nella riserva di caccia dove mi infilavo tra i reticolati per andare in cerca di funghi e lì è cominciata la nostra relazione. Un bacio, una carezza, un abbraccio e poi…sei abbastanza grande per capire  come è andata a finire.

Poco tempo dopo la sua partenza, nonostante fossi un’ingenua, mi resi conto  del mio stato. Avrei potuto rintracciarlo; una mia amica lavorava come cameriera stagionale in quel palazzo, ma cosa avrei potuto ottenere,  non so se fosse innamorato di me, non era amore il nostro. Passione, una grande passione e attrazione fisica uno verso l’altro.
E poi eravamo troppo giovani, lui soprattutto doveva ancora frequentare l’università, suo padre,  il notaio voleva assolutamente che il figlio seguisse la stessa carriera. Pensai  agli ostacoli che avrei incontrato se glielo avessi detto;  ad un eventuale rifiuto; mi sembrò più facile risolvere tutto da sola,  ero abituata a non avere nessuno che si occupasse di me.Sono stata la prima ragazza madre del paese. Puoi pensare allo scandalo di allora; hanno detto di tutto su di me, per tutti ero una donnaccia; qualcuno per il fatto che ero sempre nei boschi mi chiamava la strega.                                                                                                               Non ho avuto nessun altro uomo, mi sono tenuta la bambina cercando di crescerla al meglio senza farle mancare nulla,  non credere  sia stato facile col carattere di Luigia.                         Anna per fortuna è diversa assomiglia a me.                                                                                  Sei fortunato con una ragazza così!                                                                                                           A proposito, ti sei dichiarato?.                                                                                                               Non ho capito cosa intendesse prima quando mi ha detto di scaldarti.                                        Cosa provi per lei?                                                                                                                 Pensavo fosse tutto molto chiaro tra voi due.-

 Tutt’a un tratto mi assalì quel dolore di chi sente di aver tradito la persona più importante della sua vita, proprio con la persona più importante della sua vita. Mi sentivo come un animale in preda all’ istinto primitivo  e in un certo  qual modo stranamente patetico.                                  Non stavo  ingannando me stesso  affermando che verso Anna  non avevo mai  nutrito un desiderio sessuale.  
Fino ad allora  non mi ero mai immaginato una sola volta la nudità di Anna o un qualsiasi gesto audace verso il suo corpo. I miei desideri le immaginazioni, i sogni, i pensieri sessuali erano stati solo per il corpo di Marietta.                                                         Amavo Anna ma desideravo Marietta.                                                                                            Ma cosa veramente voleva dire quel 
-amavo Anna- che specie di amore era quello.

 – Provo a spiegarti.
Metto ancora un po’ di musica, forse mi viene più facile aprirmi con te.-

Girai l’ellepì e  calai lentamente il braccio del pick-up sull’ultima traccia, la più lunga: Repent Walpurgis, un brano strumentale eseguito interamente con piano e organo, un lentaccio!




             Le  mie mani  sulle sue scapole.
Marietta  con  gli occhi puntati nei miei ascoltò tutta la  confessione: dal canto della bernarda alla  pozza del lupo  e ai  tormenti notturni.           Continuando a ballare lentamente eravamo ritornati alla posizione precedente,  talmente attaccati che  non riuscivo a distinguere se fosse il mio o il suo cuore a battere così forte. Respiravamo allo stesso ritmo.                                                                                               Appoggiai le labbra sulle sue.                                                                                                   Sapore di castagna e lauro.                                                                                                              Una ventata di aria fredda dalla porta spalancata.
 -Ahahahah! Nonna mi hai fregato il ragazzo-. La risata ci trascinò nell’ euforia di Anna  trasformando l’imbarazzo in un momento di gioia liberatoria  per tutti e  due… forse  per tutti e tre.

-Come è stato questo bacio?-

Quella donna che non era più per i miei occhi la nonna di Anna, si rassettò la camicia da notte, mi diede uno scappellotto e disse:

-Vado a dormire, non fare tardi Anna che domani mattina la corriera per Milano è alle sette.- e mentre la  giovane amica prendendomi per mano mi trascinava accanto al fuoco guardai Marietta che chiudendo la porta della  sua stanza mi lasciò con lo  sguardo  di chi ha fatto l’abitudine a rimanere solo.                                                                                                          Anna con  in bocca una castagna:
 – Oh che bel calduccio qui vicino al fuoco. Sono felice,  per tanti anni ho pensato che saresti stato l’uomo della mia vita ma pur volendoti un mondo di bene non sentivo attrazione fisica verso di te e mi sembra di aver capito che anche per  te  sia lo stessa cosa,  e da un po’ di tempo che lo sto pensando e mentre ballavamo ne ho avuto la conferma.
 Noi due non siamo fatti per stare insieme. Il nostro è e sarà…
non so come chiamare questa specie  d’amore,  un qualcosa che  deve continuare  nel tempo al di fuori dei nostri corpi -.


Feci cenno di sì, la pensavo allo stesso modo. Ero dispiaciuto e nello stesso tempo mi sentivo libero e felice. Il senso di colpa che sentivo nei suoi confronti  svanì del tutto quando  continuò dicendo che aveva conosciuto in città un giovane  del quale  si era innamorata ma voleva essere sicura che il sentimento tra noi due non potesse essere di ostacolo. Proprio per questo era venuta in paese e la telefonata poco prima l’aveva fatta a lui per dirgli che anche lei lo amava e sarebbe diventata la sua ragazza.                                                                            Proseguì dicendo che la madre  dopo aver discusso con la nonna aveva deciso di farle vendere la casa; i soldi sarebbero serviti a lei per la casa in  Liguria e una parte per il futuro di  Anna.      – Ieri mi hai detto che Marietta verrebbe con te a Milano se…                                                        – Non… verrebbe, è sicuro, verrà a stabilirsi nel mio appartamentino.-                                               – Non hai mai pensato a come vivrà in città una come lei che ha vissuto quasi tutta la vita tra i castagni e l’erica.  Un giorno  ti sposerai,  quale sarà il suo posto?-

– Voglio troppo bene alla nonna, troveremo la sistemazione migliore. Abbiamo chiacchierato molto la notte passata, pensa che era straconvinta che io e te ci saremmo sposati,  ma ora  ti prego  non angustiarmi con le difficoltà che andrò ad incontrare aiutami a pensare in positivo.- 

-Hai ragione, solo una cosa ancora…
se venderete la casa devo pensare che non ci sarà più nessuna ragione per voi di tornare al paese…non vi rivedrò più?-

– Ma dai, tornerò sempre a fare visita al mio  piccolo- grande cavaliere,voglio continuare a contare su di te e sulla nostra speciale amicizia. Ma dimmi sinceramente ti mancherò più io o la nonna? Alla fine il primo bacio lo hai dato a lei-

Annunci