chiudo così

Sull’autostrada Verona-Bologna, la Citroen segue a ruota la Volvo di Max, Stefano chiacchiera con la moglie, le racconta racconta il sogno della notte. Il lettore CD dell’autoradio diffonde la musica di Happy Sad, creando grazie all’uso del vibrafono l’atmosfera fantastica di una lunga composizione morbida, sommessa, d’incredibile delicatezza. Il suono notturno di onde dell’oceano che si infrangono sugli scogli rivela un susseguirsi di ricordi.

Neli nota il velo di tristezza sul viso del suo uomo e chiede:

«Eri così allegro alla partenza e ora sembra che questa canzone abbia di colpo cambiato il tuo umore. Cosa dicono le parole, tu le conosci, sai tutto di Tim Buckley».

«Ci provo, la mia traduzione non è perfetta, ma renderà l’idea. Le parole della prima parte della canzone le ho ascoltate come se fossero cantate da Renata una donna conosciuta e amata nel passato:

Io ero persa senza una canzone, senza una melodia.

Tu sei arrivato nell’hotel della mia vita, hai fatto diventare la mia stanza una casa. Hai portato la luce del sole sulla città, hai scaldato il mio cuore.

La cosa più triste che ho conosciuto era vedere morire via i miei giorni, ora non mentire, come posso trovare il ritmo e il tuo tempo se non mi canti le tue canzoni.

L’odore della tua dolce pelle intrappola i miei sogni.

Oh come vorrei poter stare ancora un po’ con te e nutrirmi del tuo sguardo. Hai scaldato il mio cuore quando ero sola.

Tutto ciò che voglio, è venire e andare per sempre dentro il fiume del tempo, dove tu mi hai trovato e aspettarti per trovare la mia pace nella tua, cosi ci possiamo amare ancora.

Poi subentra la seconda donna.Tu, che mi ami e mi hai amato dal primo giorno fino ad oggi senza mai chiedere, rispettando i miei silenzi e le mie malinconie:

Io sento quello che tu senti, se tu senti quello che io sento

e vedo quello che vedi, se tu vedi quello che vedo,

e cosi sempre più avanti, è il mio e il tuo cuore, è il nostro cuore insieme, tu canti e io canto, tutti e due ameremo insieme

e tutto questo crescerà,

tutto ciò che troverai è la pace della mente e del cuore.

Dal primo giorno che ti ho conosciuto ho smesso di pensare a lei, il nostro amore col tempo è aumenatato sempre più di intensità. Gli avvenimenti di questi giorni hanno ridestato la fiamma del ricordo. Non fraintendere, sono due cose diverse ma mi chiedo come sarebbe stata la mia vita se lei non si fosse ritirata e come invece sa-rebbe stata senza te.

L’esistenza di una persona consiste in una serie di avve-nimenti di cui l’ultimo potrebbe anche cambiare il senso di tutto l’insieme. Ci sono fatti che possono cambiare non solo la direzione di una vita, ma anche il significato di ciò che si è fino ad allora compiuto. Capita di incon-trare persone che ci hanno intimamente segnato, non parlo soltanto di coloro che da quell’incontro sono usci-ti innamorati l’uno dell’altra, ma anche di ognuno di noi quando abbiamo avuto la strada dell’esistenza attraver-sata da una figura che ci ha lasciato una traccia indele-bile.

Neli appoggia delicatamente la testa sulla spalla del ma-rito. L’essere amata è per una donna un bisogno supe-riore a quello di amare.

«Non pensavo di essere gelosa, invidio l’atmosfera magi-ca dei tuoi giorni passati con Renata. Ho una strana sen-sazione nel profondo del mio cuore, non so dirti cosa sia, ma so che non andrà via. Succede ogni volta che ti do più di quanto possieda, ma adesso tutto quello di cui ho bisogno è soltanto un po’ di tempo, per ascoltare questa canzone e sono convinta che troveremo un modo per far sparire questa strana sensazione».

 
Fine
Annunci

13 thoughts on “chiudo così

  1. dicono che quando si chiude una porta se ne apre sempre un'altra.
    questa volta si aprono dei video, mi pare, da cui entra bella musica a commentare pensieri… allora… la fine dov'è?
    mai
    mai
    mai

    baci
    eli

  2. Ma come Falco, mi fai commuovere fino alle lacrime e rincari la dose con la parola FINE? Son sicura comunque che troverai, grazie alla tua fervida fantasia, storie altrettanto belle. Sai, la parola fine mi rattrista sempre un pò, tutto qui. Alla prossima tua creatura!!!!!Ross

  3. agli hotel del cuore ci sono stanze di fiori gialli
    e primavere che profumano di pane
    ci sono inverni che cantano brine
    e poi notti di neve da tenere nei bicchieri

    baseto

  4. è bello essere amata così, qualsiasi donna lo vorrebbe.
    dalla tua narrazione emerge la figura di Stefano con sensibilità  eccezionale e capacità di sentire la musica della vita in ogni cosa.
    grazie

  5. Non avevo mai sentito questa canzone … ha dei versi bellissimi…

    Per quanto concerne la tua storia … da donna, comprendo Neli della sua inaspettata gelosia … anch'io avrei avuto un moto di tale sentimento per quel  passato …  un passato di un amore intenso, un amore che ha concesso a Stefano di vivere un'altra vita, però lasciandogli la testimonianza perpetua di un amore immenso.
    … Ma sono certa che Neli capirà che non deve mettersi in competizione , perchè non c'è competizione… ognuna ha il proprio modo di amare e percepirà la consapevolezza di essere riamata con la stessa intensità da Stefano.
    Neli capirà e " troverà la pace della mente e del cuore"
    B R A V I S S I M O   Fausto.
    Cristiana

    P.S.: FINE … almeno credo … la vita continua … ci possono essere ancora molti risvolti da raccontare.

    Ho fatto il commento (#12) al tuo commento (#8) nel blog di DomenicaLuise (ti ho preso un po' in giro … ahahahaha

  6. Commovente, una storia bella e dolcissima, una vita realizzata.

    alla prossima storia, caro amico, sicuramente saprai come farci ancora sognare.

    bacioni
    annamaria

  7. C'E' VERITA'
    nella diversità del modo di vivere l'amore tra uomo e donna,ma TU ne hai colto appieno l'essenza racchiusa nel nocciòlo regalatoci da quella canzone.Grazie.Chi percepisce la magia che trasmette suono e silenzio,non può che amare con la stessa  dolce pienezza di chi si commuove per un "pane" appena sfornato fatto da sè.Ciao,Mirka.

  8. i narratori di storie, quelli che carezzano l'anima di chi ascolta, hanno le porte sempre aperte…e l'anima che sbatte alle correnti d'aria….

    il falconiere libera le sue creature che, volando alto, portano in cielo pure lui….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...