“Dolce e chiara è la notte

              e senza vento,
        e queta sovra i tetti
        e  in mezzo agli orti
               posa la luna,
           e di lontan rivela
       serena ogni montagna
.
                  Blog foto: 220px-Moon_venus_jup
         Fuori dalla finestra il buio.
"Che belle parole…
mi è venuto un brivido.
Una poesia dipinge un cielo nella notte con le sue luci e le sue  ombre, svelando  la bellezza  nell’oscurità del cuore degli uomini  fino ad ora   mute figurine di un album di fotografie in  bianco  e  nero
.


“ Hai lasciato respirare in te i versi,
ti sei specchiato in essa,
scoprendo cose che la tua anima contiene nel  profondo.
Ogni volta che li ascolti o li ripeti  con attenzione,
scopri cose nuove,
nella poesia e  dentro di te.”

"Ma i versi  di chi sono?"


La sera del dì di festa di Leopardi.
Nei programmi di quinta, l’anno prossimo la studierai di sicuro, vedrai come la commenterà la tua insegnante di italiano, io la conosco sai, è molto in gamba, anche se a voi ragazzi sembra severa.”

“Anch’io lo penso,  il  suo portamento  austero mette soggezione, sembra una consacrata, sai il mio amico Egidio quando parla di lei  dice per scherzare  :
“ è stata violentata dai partigiani.”

“ Gli alunni sono terribili quando si mettono di impegno.

“ Sono le 5 Il mio treno parte alle 6,  devo sbrigarmi ,facciamo un po’ di strada assieme, ci salutiamo alla fermata del pulman, io proseguo fino alla stazione. Prendo  il borsone che ho lasciato accanto alla porta”

“Lo porto io! Sono io il tuo scudiero.”


Lei prende un grande pennello e glielo appoggia sulle spalle e con allegra solennità esclama:

“Da questo momento ti nomino cavaliere della bellezza interiore”

Stefano è felice .
Via ! Nel freddo della città.

La morsa invernale stringe il cuore, lungo la strada il silenzio cala come una
      lama gelata,
si devono lasciare per un po’ di tempo,
               c’è tristezza,
non sanno come rompere il ghiaccio, cosa dire dopo tutto ciò che si sono rivelati in questi giorni
              
             “Mi mancherà” .

             “Mi mancherai”.


Arrivano in Piazza Garibaldi, il ragazzo scioglie il silenzio: 

“Prendo il pulman delle 7 e ti accompagno fino alla stazione, così ti porto la borsa fino là”
è una scusa per stare ancora un poco con lei.
Un pensiero ha accompagnato i suoi passi :

                        “Cosa farò senza di lei ?     


                    Come sarà quando torna?        

                             Cambierà qualcosa?       

                            Ci rivedremo ancora?     


                    E se succedesse qualcosa?    

               Che mi impedisse di vederla.    

                            Non voglio pensarci. "    


La commozione comincia a salire dal cuore, gli occhi  si fanno lucidi. 

Davanti ad un  locale chiuso un filo leggero di lucine bianche illumina un ramo di vischio,

Blog foto: imagesBlog foto: imagesBlog foto: imagesBlog foto: images
 
                       Stefano si ferma,
                 lascia cadere la borsa,
     prende tra le mani il viso di Renata
                                 e
           spingendola dolcemente
                   sotto il rametto
                          sussurra :

“Un bacio sotto il vischio è di buon auspicio per l’anno che verrà! “

 Appoggia le labbra socchiuse sulle sue.
      Profumano ancora di mandarino,
        un dolcissimo profumo tenero, 
                   un bacio puro,
come quello dei film che piacciono a lui.
                 Piace anche a lei.
           Un bacio rubato.

 
  Il silenzio scioglie la lama di ghiaccio,
    il cammino è  quello di un ruscello
                       gorgogliante
              alla fine dell’inverno.

            Il treno è già sui binari,
           il biglietto è  nella borsa :

 “Ti porterò un regalo da Bologna, ci vediamo al mio ritorno …
il primo martedì dell’inizio della scuola,
Buon Natale e Buon Anno!”


Treno  cosa aspetti a partire! 

 

            Il distacco strappa il cuore,
hanno bisogno di stare soli per pensare,
per godersi gli attimi di quel giorno che sta  passando, per pensare l’uno all’altro.

 Renata al finestrino, 

il palmo della mano appoggiata al vetro,
un sorriso sulla bocca,
la sciarpa sui capelli .


Stefano è lì,
sulla banchina,
non sa come trattenersi,
le lacrime
non gelano sul bordo degli occhi,
in terra sono cristalli di brina.

Il treno parte
strappa  di tasca un fazzoletto bianco,
lo sventola oscillando il braccio,
in alto
in alto
finchè lei lo veda da lontano
quando  sarà un puntino nella notte .


                Qualcuno sta a guardare.
                Un  quadretto romantico
                   di intensità esclusiva,
                      BUM BUM BUM
                        colpi di martello 
         forgiano il ferro incandescente 
              sull’incudine dell’officina.
       la malinconia  che  batte nel petto 
        si trasforma in  un raggio di sole,
      un filo forte per attraversare la vita.

Annunci